Post in evidenza

Bacodaseta: perché il mio blog si chiama così?

Bacodaseta non è un nick o un alias, è il significato del mio cognome. Esiste un paesino sperduto sui colli bergamaschi, piccolo talme...

sabato 9 marzo 2013

Cheese cake a freddo

Cliccate per creare l'atmosfera da ..Cheese Cake!





In questi giorni ho sperimentato vari tipi di Cheese Cake dal momento che ha compiuto gli anni un carissimo amico che adora questo dolce e volevo fargli una bella sorpresa.
Questo dolce come dice il nome è fatto di formaggio in prevalenza e questo può destare un po' di stupore..
Beh! Ne ho preparato tre tipi diversi, il primo era cotto in forno:  il risultato  è stato che assomigliava più a una classica torta con ricotta piuttosto che a un vero Cheese Cake! Però era comunque molto buona.
Il secondo è stato quello più azzeccato anche se parecchio calorico ed è quello che vi consiglio se lo volete presentare e fare veramente colpo!
Ci va praticamente un chilo di latticini!!
Però è bello alto e condivido con chi dice che il Cheese Cake deve esserlo, altrimenti è triste!
Il terzo che ho preparato è in versione più light e mi ricordava un po' per la consistenza una panna cotta.
Ve li pubblicherò tutti e tre partendo da quello centrale, cioè quello che secondo me è più in linea col vero Cheese Cake americano...bello calorico, abbondante, alto e delizioso..crepi l'avarizia!!


risultato finale


 Ingredienti per la base:
300 gr di biscotti digestive ( io ho usato quelli con pezzetti di cioccolato per dare un gusto più marcata)
150 gr di burro

Parte superiore:
150 gr zucchero 
1 bacca di vaniglia
500 gr mascarpone
200 gr robiola o formaggio spalmabile
250 gr yogourt greco bianco
200 gr panna fresca
100 gr latte 
12 gr gelatina

Per la copertura:
50 gr nocciole
cioccolato fondente a piacere
crema al cioccolato per guarnire tipo nutella( cioccolatella di cui trovate la ricetta qui sul blog)

Nel mixer tritate i biscotti e con le lame in movimento aggiungete il burro freddo a pezzetti.

Il composto ottenuto andrà sistemato sul fondo dello stampo, se ne avete uno a cerniera sarà più semplice per voi estrarlo a lavoro ultimato.
Foderate il fondo con la carta forno, così non avrete problemi nel toglierlo.
Premete bene con e mani il composto cercando di livellarlo.
Mentre preparate la parte sopra mettete in frigo la base.

Aprite il baccello di vaniglia e togliete  semi con la punta del coltello, aggiungendoli allo zucchero. 
Tenete il baccello da parte.
Ora in una terrina mettete lo zucchero vanigliato e lavoratelo col mascarpone fino ad ottenere una crema liscia.

Poi aggiungerete la robiola, amalgamate.

Lo yogourt greco, amalgamate.



Prendete il baccello di vaniglia vuoto e mettetelo a bollire con la panna e il latte.

Prendete i fogli di colla di pesce e mettetela in acqua fredda per 10 minuti. Poi scolatela e mettetela dentro latte e panna bollenti.



Adesso aggiungete la panna e il latte bolliti e ancora caldi al composto di formaggi, lavorando velocemente .


 Versare il composto sopra la base, livellare con una spatola.

Mettete in frigo per tre o quattro ore finché il composto sarà ben solido.
Potete anche prepararlo il giorno prima.

Con un cucchiaino mettete della cioccolatella sul cheese cake e spalmatela anche facendo semplicemente delle righe .



Ora preparate una granella con le nocciole e sparpagliatela sopra, poi grattugiateci sopra del cioccolato fondente.







con nocciole tritate

E' appena passata la festa della donna ragione per cui vi propongo una poesia di Daniela Cattani Rusich sul tema:

Di stessa madre

Passaggio d'ambra, mia straniera,

amaro sia il percorso intorno alla speranza:
lacrime a cristallizzare il volto nel dolore
scivolato dal quadro e reso carne umana. 

Scorre anche il tuo sangue, mia straniera,
dai punti di sutura del destino;
e mi addolora l'arco teso e immobile
sull'orlo incastonato del possibile. 

Ma più stupisce, sorella, mia straniera,
- di stessa terra e stessa Madre -
il tratto differente del tuo andare:
canone inverso, verbo e disciplina...
là, dove fu per me soltanto il vento.


*d©r*