Post in evidenza

Bacodaseta: perché il mio blog si chiama così?

Bacodaseta non è un nick o un alias, è il significato del mio cognome. Esiste un paesino sperduto sui colli bergamaschi, piccolo talme...

martedì 18 settembre 2012

Ragù de la tante Cécile ( e tre modi di farlo)







Il ragù, questo sugo rosso con carne tipicamente italiano, che viene imitato in tutto il mondo e che cambia a seconda delle varie versioni.
Non ho scritto Ragù alla bolognese, perché sarebbe leggermente diverso, e poi ogni cuoco o cuoca ha la sua ricetta personalissima, e son convinta che anche voi troverete la vostra.
Io cerco sempre il gusto, ma non a discapito di calorie e leggerezza, ragion per cui ho sviluppato questa mia ricetta che penso sia una giusta via di mezzo, dove non utilizzo brodo ( e quindi risulterà un po' più denso ma potete sempre aggiungere un po' d'acqua volendo, o brodo se ci tenete) né dado, né vino, né prosciutto, ma solo un pezzetto di salsiccia.
Naturalmente nulla v'impedirà di sfumare la carne dopo averla rosolata con un mezzo bicchiere di vino rosso (ma usate del buon vino vi prego), di aggiungere a metà cottura un bicchiere di brodo, o di usare del prosciutto al posto della salsiccia.
Il sapore cambierà, ovviamente e sarete voi a decidere qual'è il gusto che preferite!

Invece i tre modi che propongo per cucinarlo sono diversi e a misura di donna moderna.
Saranno: la prima in pentola, la seconda nel Bimby, la terza usando il microonde.
Questo per facilitare tutte quelle donne che han poco tempo, che non sanno usar bene il bimby o il microonde, strumenti che sono un aiuto validissimo in cucina.

Io diffido dei preparati di carne già fatti per il ragù, preferisco dosare gli ingredienti e testare personalmente la qualità della carne che compro.

Di ragù ne uscirà parecchio con la mia dose, se vi sembra troppo dividetelo in contenitori adatti a contenere la dose giusta per le vostre occasioni, poi congelatelo.
In questo modo avrete un altro preparato pronto da usare quando non avete tempo o voglia di cucinare, nel vostro fornitissimo freezer!!

E vi chiedo di fare anche un'altra prova: nel caso non dovesse piacere ai vostri bambini, rifatelo ma senza carota e sedano, usando solo la cipolla.
A volte questo piccolo cambiamento è determinante: 1 non si vede più nulla di verde, 2 il gusto è diverso più consono al palato dei piccoli.
Questo lo dico per il fatto terribile che mi è capitato quando i miei bambini preferivano il ragù alla bolognese comprato al mio.
Questo mi ha spinto a verificare se senza questi due ingredienti cambiava qualcosa e il mio orgoglio ne è uscito vincente!!

Ho aggiunto i pomodori a pezzetti ( polpa) per chi ama "vedere" il pomodoro, ma se desiderate il ragù completamente passato mettete ancora pelati.

Prima cliccate sulla musica così mentre preparate potrete goderne:




Ingredienti:
1 bella cipolla
1 carota e 1 gamba di sedano
2 etti di salsiccia
3 etti di carne trita magra ( mai la grassa)
1 scatola di pelati da 800gr
1 scatola di pomodoro a pezzi da 400gr ( oppure 1 Kg di pomodori maturi freschi privati della pelle)
1 spicchio d'aglio (facoltativo)
qualche foglia di alloro, rosmarino, salvia ( facoltativo)
sale Q.B.



In pentola ( se userete una pentola in coccio il sapore sarà migliore):
Dopo aver spennellato di olio il fondo della pentola e aggiunto la salsiccia in pezzi, senza pelle, mettete le verdure tritate ( non l'aglio) e lasciate rosolare il tutto finché la cipolla non diventerà trasparente.
A questo punto aggiungete la carne trita e lasciatela rosolare fino a che non è completamente cotta ( e qui andrebbe il vino nella misura di 1/2 bicchiere, da sfumare piano piano e a fuoco vivo, se lo desiderate. Il ragù sarà buono quanto il vino che avrete usato).
Mettete lo spicchio dell'aglio intero, che se volete potrete togliere in seguito o schiacciare e tutto il pomodoro tagliato a quarti (durante la cottura si disfa).
Salate
Cuocete per un'ora circa a fuoco lento, coperto, mescolando di tanto in tanto.
Togliete gli aromi.
Se desiderate passare il ragù usate un frullatore a immersione.

Con il microonde:
Prendete una terrina capiente e con i bordi alti.
Mettete un filo d'olio, la salsiccia senza pelle e le verdure tritate, fate cuocere con coperchio apposta per il microonde a 500watt per 3 minuti circa fino a che la cipolla non sarà trasparente, se è il caso aumentate il tempo. Ora aggiungete la carne trita e proseguite la cottura per qualche minuto, sempre coprendo, finché la carne non sarà cotta. Se volete usare il vino è questo il momento, ma sfumatelo, potete farlo a 500watt lasciando scoperto per 15 secondi. Salate.
Ora mettete il pomodoro, tagliato a quarti, l'aglio, gli aromi e coprite, lasciando cuocere a 750 watt per 5 minuti. Se iniziasse a sobbollire fermate e date una mescolata, abbassate la potenza al minimo, in tutto deve cuocere per circa 20/25 minuti. Di tanto in tanto ( ogni 15 min) mescolate.
Passate con un frullatore a immersione per ottenere una consistenza ottimale.

Con il Bimby:
Mettete verdure e tritate a velocità 7 per qualche secondo.
Aggiungete la salsiccia senza pelle e cuocete a potenza Varoma per circa 3 minuti, soft o 1.
Ora la carne trita e se volete l'aglio, che toglierete dopo aver cotto il pomodoro se vorrete eliminarlo.
Proseguite cuocendo la carne per qualche minuto a Varoma velocità soft o uno, finché non sarà cotta. Osservatela dopo due o tre minuti: è cotta?
Se volete questo è il momento di versare del buon vino, mezzo bicchiere circa, come spiegato all'inizio, sempre Varoma, sempre 3/4 minuti, finché annusando l'aria non sentite più l'odore dell'alcool ( non stateci sopra però altrimenti lo inalate).
Allora, quello è il momento di versare il pomodoro, se sono i pelati van bene anche interi, se desiderate lasciar dei pezzi non salite con la velocità oltre il 2. Mettete gli aromi.

Se il pomodoro è fresco, dovete togliere la pelle per un risultato ottimale, altrimenti rimarranno dei rotolini trasparenti di pelle qui e là che danno un po' fastidio, per carità nulla di tremendo, ma spesso non va ai bimbi!
Versato il pomodoro nel bimby fate cuocere ancora a Varoma velocità 2 per 3 o 4 minuti, cioè finché vedete che bolle, attenzione il momento è pericoloso, non dovete allontanarvi perché se dovesse uscire vi ritrovereste un bel danno. Invece non appena vedete che bolle abbassate a 90 gradi e adesso potete allontanarvi con tranquillità per almeno 25 minuti ( Io vado anche a prenderli a scuola, ma sono un'incosciente, voi non fatelo!).
Ora togliete aromi. Via l' aglio ( se volete).
Salate.
Volete il sugo più omogeneo? Passatelo qualche secondo a velocità da 5 a 7, tenendo ben chiuso con un fazzoletto di carta il tappo (per non scottarvi e sporcarvi).
Va bene? Gradite la consistenza? Oppure lo volete passare ancora un po'?

Imparate a usare il Bimby in questo modo cioè come una piastra di cottura, che trita sminuzza ;)) , ma non restate legati alle ricette stampate esclusivamente per esso.
Io vi sto dando la ricetta, ma senza il Bimby davanti, ho ormai l'abitudine di usarlo a occhio, capito cosa intendo? Guardate gli alimenti, annusate l'aria mentre siete in cucina e cucinate ( anche con il Bimby!) e imparerete da sole quando e come intervenire.

Spero che il risultato sia soddisfacente, ovviamente quando dico "donne moderne" mi riferisco anche agli uomini che vogliono cucinare ;))


Adoro questo tango,e voi?
Vi piacerebbe che il vostro uomo sapesse ballare così?
Vi piacerebbe ballare così?
Lasciatemi un commento.
Vediamo se trovo una poesia da leggere con il ragù.. ;))

cliccate qui:





Una poesia di Meri Ciuchi, pubblicata in Donne in poesia, curata da Paola Mara de Maestri
Giulio Perrone editore:


Arcaico incanto
Affoga il tuo cuore
nel mio bicchiere di vino
nei miei occhi
non cercare il tuo domani

Respirami

Arcaico incanto
travolge senza fuga
cristallizza un attimo di vita, 
prezioso come spilla l'appunterò al cuore.


















Licenza Creative Commons
bacodaseta: ricette, poesia e fantasia. by Patrizia Bacuzzi is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.