Post in evidenza

Bacodaseta: perché il mio blog si chiama così?

Bacodaseta non è un nick o un alias, è il significato del mio cognome. Esiste un paesino sperduto sui colli bergamaschi, piccolo talme...

mercoledì 15 agosto 2012

Marmellata di pomodorini rossi

Questa è di nuovo una marmellata speciale, l'ho studiata per accompagnare il pecorino sardo, ma si sposa perfettamente con la caciotta di pecora. Qualsiasi sia il vostro formaggio preferito, testatela e mi direte voi con quale formaggio l'avrete gradita maggiormente.

Ve la propongo in formato ridotto, da aumentare mantenendo le proporzioni secondo la quantità desiderata.
Il peperoncino sarà perfetto a patto che lo amiate, in caso contrario eliminatelo. Lo stesso vale per il basilico. Sarà buona anche senza.

Ingredienti:
500 gr pomodorini
300 gr zucchero
1 peperoncino piccante rosso
10 foglie di basilico

Tagliate il peperoncino nel senso della lunghezza, ma lasciatelo intero, in questo modo eviterete che i pezzi vadano a finire sulle papille gustative di qualcuno che non lo desideri.
Tagliate i pomodorini a metà, poneteli in un tegame alto con lo zucchero e cuocete per circa mezz'ora.
A questo punto aggiungete il peperoncino e portate a cottura completa ( vedi il post consigli generali per le marmellate ) prima d'invasare aggiungete il basilico a pezzetti ( rompetelo con le mani)
e cuocete ancora 5 minuti.
Invasate.
Se la gusterete ben fredda ( di frigorifero) vi assicuro che vi stupirà per l'aroma del basilico, ne verrà esaltato.

Il colore di questa marmellata mi suggerisce una poesia intensa e gioiosa.
Ditemi se la trovate appropriata ed in sintonia.

La storia delle onde

Farò della mia anima uno scrigno
per la tua anima,
del mio cuore una dimora
per la tua bellezza,
del mio petto un sepolcro
per le tue pene.
Ti amerò come le praterie amano la primavera,
e vivrò in te la vita di un fiore
sotto i raggi del sole.
Canterò il tuo nome come la valle
canta l'eco delle campane;
ascolterò il linguaggio della tua anima
come la spiaggia ascolta
la storia delle onde.

Kahlil Gibran