Post in evidenza

Bacodaseta: perché il mio blog si chiama così?

Bacodaseta non è un nick o un alias, è il significato del mio cognome. Esiste un paesino sperduto sui colli bergamaschi, piccolo talme...

giovedì 26 luglio 2012

Taboulè

Questa ricetta di origine Marocchina, è frequentemente usata in Francia, tant'è che mia zia Cècile la preparava sovente ed era tra i piatti estivi più richiesti dagli ospiti.
È semplicissima da preparare, veloce, ma va preparata in due tempi diversi.
Usate il cous cous medio, in scatola, lo trovate al supermercato.
È un piatto che piacerà anche ai vegetariani.
È un piatto davvero saporito ma leggero, che userete da contorno a una grigliata di carne o di pesce estiva per esempio, quando avete ospiti ( lo preparerete prima e coperto lo lascerete in frigo). O semplicemente come primo piatto in ogni occasione.
Rimarrete stupiti dalla sua freschezza.

Ecco le dosi per 4 /5 persone abbondante.


Ingredienti:

500 g di cous cous
500 ml acqua
3 limoni
1 cetriolo
4 pomodori oppure 10 pomodorini
1 cipolla bianca
3 cucchiai di olio di oliva extravergine
Sale e pepe al gusto
4 foglioline di menta fresca
un mazzetto di prezzemolo


Tagliate a fettine il cetriolo spolveratelo con del sale fino, poi ponetelo su un piatto leggermente inclinato per far scivolare via l'acqua che produce, in questo modo sará piú digeribile e delicato.



Non fatelo a pezzi troppo piccoli così se a qualcuno dei vostri ospiti non è gradito lo potrà togliere.

Scaldate l'acqua e quando sarà bollente versatela sul cous cous, aggiungete l'olio lasciate qualche minuto coperto, mescolate, coprite, attendete 5 minuti mentre gonfia, poi sgranate bene con una forchetta, il cous cous deve risultare omogeneo e senza grumi. Se vedete grumi usate le mani per separare i chicchi.
Lasciate raffreddare completamente.


Tagliate i pomodori a cubetti, o se sono pomodorini, a metà, tritate la cipolla insieme al prezzemolo e alla menta fresca. Irrorate col succo dei limoni.




.

Aggiungete il cetriolo scolato, amalgamate, coprite e mettete in frigo per almeno un'ora.




Mentre preparate le verdure ascoltate i bravissimi Coldplay su you tube..
.ma leggete fino in fondo, è interessante.




Una curiosità sugli ingredienti di questa ricetta:
Cetriolo:
il cetriolo è composto prevalentemente d'acqua, per questo rinfresca e depura.
Contiene una fonte interessante di vitamina C ( 11 mg per 100 g) è depurativo, antinfiammatorio, diuretico, antiartrosico, antigotta. Per approfittare della buccia ricca di minerali, sarebbe bene consumarli con essa.
Inoltre è ricco di silice, elemento fondamentale del tessuto connettivo. La carenza di silice compromette la stabilità e l'elasticità delle strutture di sostegno di tutte le cellule, ma soprattutto della pelle, dei vasi sanguigni, dei muscoli, dei tendini, della cartilagine e dell'osso.
Cipolla:
è un potente attivatore di tutte le funzioni organiche, antibatterica e antinfettiva, fortificante del sistema immunitario. Stimola le funzionalità renale aiutando l'eliminazione delle scorie azotate.
Combatte i parassiti intestinali, rinnova e purifica il sangue e tutti i liquidi organici, ringiovanisce le cellule, ha effetti benefici sulle persone affette da artrite e artrosi.
Abbassa i grassi nel sangue, abbassa la pressione sanguigna, previene la formazione di trombi, riduce la glicemia.
Limone:
Ricco di vitamina C è un vero e proprio farmaco del benessere.
Battericida, antisettico, antireumatico, antiurico, diuretico, dimagrante, antiacido e antiemorragico.
Antidiarroico, antisclerotico, ipotensivo ed epatoprotettore.
Libera le cellule dalle tossine, dai materiali di scarto che ne rallentano il metabolismo.
Aiuta a regolare il peso corporeo, il colesterolo, aiuta a ridare motilità alle articolazioni doloranti.

Ora che conoscete anche i benefici che potete trarre da questi alimenti, rilassatevi e fate gustare allo spitrito questa famosa poesia di Jacques Prévert (mentre si raffredderà il cous cous):

Paris at night

TRE FIAMMIFERI ACCESI UNO PER UNO NELLA NOTTE
IL PRIMO PER VEDERTI TUTTO IL VISO
IL SECONDO PER VEDERTI GLI OCCHI
L'ULTIMO PER VEDERE LA TUA BOCCA
E IL BUIO PER RICORDARMI QUESTE COSE
MENTRE TI STRINGO TRA LE BRACCIA.